Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.casanovecentofeltre.it/home/site/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 356

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.casanovecentofeltre.it/home/site/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 362
Casa Novecento - Biografia di Piero Rossi

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.casanovecentofeltre.it/home/site/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 418

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.casanovecentofeltre.it/home/site/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 761

Biografia di Piero Rossi

Piero Rossi  nace a Roma nel 1930, da Enrico, capocantiere edile friulano, e Virginia, originaria di Cavarzano, in provincia di Belluno.
Ritornato tredicenne con la madre a Belluno, proseguì negli studi superiori al Liceo Classico Tiziano; la perdita prematura del padre, e il dover aiutare la madre malata furono origine di un duro percorso di vita, dove studio e lavoro si affiancarono. Durante un periodo di gavetta nel sindacato, si laureò in Legge all'Università di Padova.

Presso l'ASCOM di Belluno, in trent'anni di carriera, occupò l'incarico di Direttore, e fu attivissimo nel promuovere commercio e turismo sul territorio provinciale, attraverso azioni innovative e lungimiranti. A partire dagli anni '50, riuscì a sviluppare anche le sue passioni: fu alpinista, scrittore, fotografo. Amico e collaboratore di molti alpinisti europei, fece conoscere le Dolomiti Bellunesi a livello internazionale, ideando, tra l'altro, una delle famose Alte Vie delle Dolomiti, la n.1. Nella n. 2, realizzata tempo dopo, sono comprese anche Feltre e le Dolomiti Feltrine. Presidente della sezione CAI di Belluno, è considerato uno dei "padri fondatori" del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, per la cui nascita condusse una battaglia durata vent'anni, dal 1963 al 1983, anno della sua prematura scomparsa. Il Parco sarebbe stato istituito nel 1993  "Una battaglia - scrisse - di cultura e un contributo per salvare l'identità culturale, cioè l'anima, della nostra terra e della nostra gente...". Una battaglia che Piero Rossi condusse nella convinzione che "vi sono valori culturali e sociali di fondo, che vanno anteposti a ogni considerazione finanziaria e utilitaristica".

"Piero Rossi ci propone un Parco vivo, un'utopia concreta dove l'uomo può essere in armonia con la natura grazie ad una nuova 'coscienza' delle straordinarie diversità e valenze di queste montagne, recuperato orgoglio di appartenenza che favorisce la coesione sociale tra le comunità e ci aiuta a superare perdenti localismi, alienanti ed insostenibili consumi e stili di vita" (Valter Bonan, Introduzione a P. Rossi, Il Parco Nazionale delle Dolomiti, Nuovi Sentieri Ed., 1976, ristampa 2003).

Share on Facebook